“Controllati!”
controllati
shadow

A giugno, parte il mese della prevenzione maschile con la Campagna “Controllati.it”. Promotori della campagna sono la SIU, Società Italiana di Urologia, con il supporto incondizionato dell’Azienda Farmaceutica Menarini. Obiettivo della campagna: abbattere le reticenze degli uomini, sempre più refrattari a visite di prevenzioni urologiche. Sono circa 200 i centri urologici, pubblici e privati, predisposti per visite e consulti totalmente gratuiti. È possibile prenotare la visita on-line attraverso il sito web dedicato controllati.it oppure tramite il numero verde (800.822.822).
In Italia sono ancora 9 milioni gli uomini che resistono alla visita urologica incorrendo in patologie, che se individuate per tempo, potrebbero essere curate. Sono 6 le patologie nemiche degli uomini: prostatite, iperplasia prostatica benigna, tumore della prostata, calcolosi, infertilità e – non per ultime – le disfunzioni sessuali come disfunzione erettile ed eiaculazione precoce che associate a stili di vita poco sani (alcool, fumo, sedentarietà, alimentazione scorretta), incidono in modo importante sulla qualità di vita del maschio.

“L’uomo non fa prevenzione, ce lo dicono in numeri”- sottolinea Vincenzo Mirone, Responsabile UOC di Urologia e centro di Litotrissia Urinaria Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II e Segretario Generale della Società Italiana di Urologia- “solo il 10- 20% degli uomini si è sottoposto nella vita ad una visita di prevenzione, contro oltre il 50-60% delle donne di pari età. Inoltre, 9 maschi su 10 si sottopongono a visita medica solo se affetti da patologie gravi e sono estremamente reticenti a parlare delle proprie problematiche con uno specialista. Eppure gli uomini si ammalano di più e spesso in maniera più grave rispetto alle proprie compagne. Un’adeguata prevenzione, specie in ambito urologico, effettuata in età giovanile, adulta ed avanzata, riduce significativamente la frequenza delle patologie tumorali (della prostata, del rene, della vescica e del testicolo), consentendone inoltre una diagnosi precoce ed un tempestivo trattamento, e delle patologie benigne (calcolosi urinaria, iperplasia benigna della prostata e prostatiti, infertilità maschile e disfunzioni sessuali) che possono però determinare, se trascurate, una riduzione della qualità della vita ed un danno per la salute sessuale e riproduttiva.”

Facebook

YouTube

LinkedId

'); jQuery('#fblbInnerLi').append(''); if ( navigator.userAgent.match(/msie/i) ) {jQuery('#fblbInnerLi').removeClass('fblbInnerLoading');} fblbLiLoaded=1; } jQuery(document).ready(function(){ fblb_LiLoad();}); -->